Lo sapevate che
Storie di musica e di bande

Rubrica a cura di
1861 Un italiano a New York

Claudio S. Grafulla è uno dei padri della banda musicale negli USA dove emigrò a 28 anni e morì nel 1880 dopo una fulgida carriera di musicista e di compositore. Divenne famoso con molte marce scritte per i reparti impegnati nella Guerra Civile, ma viene ricordato per la marcia Washington Grays con la quale innovò profondamente il genere avviando la tradizione negli Stati Uniti della marcia militare da concerto, ossia delle composizioni da eseguire nelle cerimonie ufficiali ed istituzionali.
Washington Grays è dedicata all' 8° Reggimento della Milizia di New York ed è stata composta nel 1861, anno dell'unità d'Italia. Il titolo ricorda il colore grigio delle storiche uniformi del Reggimento. Ve la proponiamo in due versioni antiche che appassionati hanno voluto mettere a disposizione su You Tube, per notare i diversi arrangiamenti tesi a massimizzare la forza espressiva della musica:



Claudio S. Grafulla

Molte le incertezze sulle origini di questo padre della banda musicale americana: la prima riguarda la data di nascita, 1810 o 1812?
La seconda la nazionalità, anche se non si possono discutere le origini italiane, in quanto Minorca è spagnola, ma subì nel periodo le dominazioni francesi ed inglesi.
Certo è che la sua cultura musicale è europea in quanto appena arrivato negli USA entrò nella Napier Lothian New York Brass Band come suonatore di corno francese.
La Band venne successivamente incorporata nel 7° Reggimento della Guardia Nazionale di New York e Grafulla ne divenne direttore negli anni tra il 1850 e 1860, posizione che occupò fino alla sua morte nel 1880.
Ha dedicato tutta la sua vita alla musica e alla banda, non si è mai sposato e non ha lasciato eredi.
La sua fama di compositore si è andata formando progressivamente grazie alle sue musiche per banda, in particolare le marce militari che ha saputo far evolvere nello stile e negli effetti. Ma è anche ricordato come un grande trascrittore di quel periodo: le sue elaborazioni di temi di Verdi tratti dal Ballo in maschera e dal Nabucco, oltre a confermare la sua origine italiana, sono state eseguite nei più importanti concerti e durante le cerimonie alla Casa Bianca.
Ci piace ricordarlo nel 2013 in occasione del 200° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi.